metodo viscoso

L’allenamento in acqua è universalmente riconosciuto come il più adatto alla prevenzione e alla riabilitazione funzionale, in quanto il carico si adatta esattamente alla forza effettiva del soggetto.

.

Il metodo Water Viscous, che può essere considerato il più innovativo, sfrutta il principio dell’allenamento in acqua applicandolo a una postazione di lavoro classica.

Infatti, Kineo consente di svolgere un allenamento viscoso in cui il valore effettivo del carico è determinato da due fattori strettamente connessi fra loro:

  • LIVELLO DI VISCOSITà
  • VELOCITà DI MOVIMENTO DURANTE L’ESERCIZIO

Kineo consente di utilizzare 6 livelli di viscosità che simulano un allenamento in fluidi diversi, come acqua, olio, miele o altro, che corrispondono a diversi livelli di sforzo muscolare.

UN PASSO AVANTI NELL'ALLENAMENTO VISCOSO

Stabilizzazione articolare

Una fra le applicazioni più importanti del metodo Water Viscous è il lavoro per la stabilizzazione delle articolazioni, soprattutto quelle del ginocchio, in quanto l’aumento progressivo del carico viscoso si applica ai singoli gruppi muscolari secondo modelli fisiologicamente corretti.

Prevenzione del dolore

Nella riabilitazione, l’utilizzo del carico viscoso, che varia in base alla velocità di movimento, permette al soggetto di evitare il dolore nel corso dell’attività e di procedere verso un recupero funzionale più rapido ed efficace.

Funzionalità dell’allenamento viscoso

  • Il carico aumenta o diminuisce in base alla velocità di movimento e al livello di viscosità;
  • la velocità non è costante, ma dipende dal livello di forza applicata;
  • il lavoro viene svolto in assenza di inerzia. Quando il movimento si interrompe, il carico viene portato immediatamente a zero (massima sicurezza per il soggetto).
  • Carico bifasico: è possibile configurare indipendentemente il livello di viscosità nella fase concentrica ed eccentrica;
  • A differenza degli altri metodi, l’aumento progressivo del carico in base alla velocità permette al soggetto di utilizzare un carico che rispetta sempre la sua condizione neuromuscolare e previene il dolore.

tabella di confronto